[grafico data] 5 luglio 1999
  Alimentazione e salute
[autoparlante] Ascolta brano in formato mp3 (5,5 kb)
[icona zip]
scarica versione zippata (5,0 kb)


Frutta e verdura: la bancarella del benessere

È estate ed è il momento giusto per godersi un’alimentazione leggera e fresca di frutta e verdura, e per sentirsi in perfetta forma. Antiossidanti, disintossicanti e fonti eccellenti di vitamine e minerali, frutta e verdura offrono una significativa protezione nei confronti di moltissime malattie. Questi mattoni di buona salute, oltre a essere gustosi, sono anche dietetici (poiché saziano con poche calorie) e non contengono quasi nessun grasso. Ogni esemplare ortofrutticolo ha proprietà salutari principali ben diverse. Eccone alcune.

Secondo una leggenda araba, l’aglio è nato da un’impronta lasciata dal diavolo mentre stava abbandonando l’Eden. Certamente, sin dall’antichità l’aglio è sempre stato un alimento prezioso. La sostanza magica di questo vegetale a bulbo con spicchi all’interno (appartenente alla famiglia delle Liliacee [stessa famiglia della cipolla]) è appunto l’allicina, che è in grado di ridurre il colesterolo. Ricco di minerali, soprattutto potassio e ferro, l’aglio contribuisce ad abbassare la pressione sanguigna e a facilitare il flusso sanguigno, aiuta a prevenire disturbi circolatori, ha proprietà sia antibiotiche sia antibatteriche nonché antitumorali, e rafforza il sistema immunitario. Re della cucina e tonico antidoto salutare, l’aglio dà aroma e gusto a qualsiasi piatto.

Lalbicocca (parente della ciliegia, della pesca e della prugna) è un frutto carnoso originario della Cina e si dice che sia stato addirittura Alessandro Magno a portarlo in Grecia. Contiene minerali utili al benessere del nostro organismo: potassio, magnesio, ferro e zolfo.

Le arance e gli agrumi in genere forniscono vitamina C —sebbene sia il kiwi a contenere il più alto livello di vitamina C di tutti gli ortofrutticoli, poi le fragole poi i peperoni rossi e poi le arance. La vitamina C rafforza il sistema immunitario, stimola i tessuti connettivi dell’organismo e aiuta a combattere infezioni (virali e anche batteriche).

Benché sia l’ingrediente principale della cucina italiana, il pomodoro è stato importato in Europa (come anche la melanzana, la patata e l’ananas) in seguito alla scoperta dell’America. Il nome stesso "pomodoro" deriva da "pomo d’amore" proprio perché nei primi anni di diffusione in Europa venne a lungo usato soprattutto come pianta ornamentale con poteri afrodisiaci. È solo nel XVIII secolo che in Italia sono nate le prime industrie conserviere e il "pomodoro" è quindi diventato un simbolo della cucina italiana. Ricco di vitamina C e del carotenoide meno conosciuto, il licopene —forse dal nome botanico della pianta stessa: lycopersicum esculentum— il pomodoro, secondo recenti studi, riduce il rischio del cancro alla prostata.

Coltivata e utilizzata per secoli in Oriente, la soia sta riscuotendo un successo internazionale strepitoso proprio perché è una miniera di benessere: ha proprietà anticancerogene e ha efficacia nel ridurre colesterolo, osteoporosi e malesseri femminili (soprattutto la sindrome premestruale e la menopausa). Da questo legume (che si presta facilmente a trasformazioni) si ricava il latte di soia dai semi interni; dal latte oggi si preparano formaggio, tofu e yogurt, tutti poveri di grassi e sali. Questo toccasana è assai ricco di proteine e apporta vitamine del gruppo B, calcio, fosforo, ferro e anche aminoacidi.

Gli spinaci, originari dell’Asia sud-occidentale o della Persia, sono coltivati da centinaia di anni non solo per scopi nutritivi ma anche terapeutici. Tradizionalmente, la proprietà di aumentare l’energia e migliorare la qualità del sangue viene attribuita agli spinaci proprio perché contengono due volte più ferro della maggior parte delle altre verdure a foglia verde. Altissimo è anche il tasso di clorofilla (sostanza disintossicante prodotta da piante che fornisce energia), di vitamine A, E e K, di acido folico e di carotenoidi in grado di neutralizzare lo stress ossidativo e possibili sviluppi cancerogeni.

 

Consigli utili e trucchi di cucina:

  • Ogni frutta e verdura va lavata bene sotto acqua corrente, o addirittura messa a bagno, per assicurarsi che non ci siano tracce di pesticidi usati durante la coltivazione e/o la conservazione della frutta.
  • È bene ricordarsi anche di usare quasi esclusivamente frutta e verdura matura e di stagione.
  • Per la cottura ottimale delle verdure è importante sbianchirle a tegame scoperto: il vegetale avrà raggiunto la cottura ultimata quando sarà ancora croccante e di colore vivo (dopo la breve cottura, si consiglia di immergere l’ortaggio immediatamente in un bagno di ghiaccio per appunto conservare gli elementi nutritivi, il sapore, e il colore vivo e intenso che si disperdono con cotture prolungate.)


[vocabolarietto]
a tegame scoperto (cook.): (pot) with no lid on

abbassare: to lower

acqua corrente: running water

aglio: garlic

albicocca: apricot

Alessandro Magno (hist.): Alexander-The-Great

alimentazione (n. f. sing., nut.): diet, food régime

alimento: food (item), foodstuff

aminoacido (nut.): amino-acid

anticancerogeno (med.): anti-carcenogenic

antidoto: antidote

antiossidante (n./adj. m. sing., med.): antioxidant

avere efficacia (idiom. expres.): to be effective

bagno di ghiaccio (cook.): ice bath (used to "shock" the vegetables and lock in flavour, nutrients and colour)

bancarella: green grocer kiosk/booth

benessere (n. m. sing.): well-being

calcio (nut.): calcium

carnoso: meaty

carotenoide (n. m. sing. nut.): carotenoide

ciliegia: cherry

clorofilla: chlorophyl

colore vivo: vibrant, bright colour

cottura ultimata: finally cooked

croccante (adj. m./f. sing.): crunchy

di stagione: in season, seasonal

dietetico (nut.): calorie-reduced, low-fat

disintossicante (n./adj. m. sing., med.): detoxifier

essere in grado di (idiom. expres.): to be able to

ferro (nut.): iron

flusso sanguigno (med.): blood flow

fonte (n. f. sing.): source

fosforo (nut.): phosphorus

fragola: strawberry

esemplare (n. m. sing.): item

estate (n. f. sing.): summer

grasso: fat

gustoso: tasty

in perfetta forma (idiom. expres.): in top shape

impronta: mark, fingerprint

industria conserviera: preserving (i.e., canning, pickling, etc.) industry

infezione (n. f. sing., med.): infection
(Infezione batterica = bacterial infection; infezione virale = viral infection.)

licopene (n. m. sing.): lycopene

magnesio (nut.): magnesium

malattia (med.): sickness, illness

malessere: indisposition, uneasiness

mattone di buona salute (idiom. express.): corner-stone of good health

maturo: ripe

mettere a bagno (cook.): to soak

nei confronti di: to/towards someone/something

nonché: as well as; let alone

nutritivo: nutritional

ortaggio: vegetable
(Sin.: vegetale)

ortofrutticolo (adj., n. m. sing.): fruit and vegetable

parente (n. m./f. sing): relative
("Parente" è un falso amico dell’inglese "parent", che in italiano si dice "genitore".)

pesca: peach

pomodoro: tomato

potassio (nut.): potassium

pressione sanguigna (med.): blood pressure

prevenire: to prevent

prugna: plum, prune

rafforzare: to strengthen

salutare (adj. m./f. sing.): healthy

saziare (nut.): to fill, to satisfy (hunger)

sbianchire (cook.): to blanch
(Sin.: scottare, sbollentare)

sindrome premestruale (med.): P(re) M(enstrual) S(yndrome)

soia: soy

spicchio: garlic clove; also a segment of any citrus fruit

strepitoso: resounding
(Un successo strepitoso = "a resounding success".)

tasso: level, rate

tessuto connettivo (anat.): connective tissue

toccasana (n. m. sing.): cure-all, panacea

trucco: trick

verdura a foglia verde: leafy-green vegetable

verdura: greens

vitamine del gruppo B: vitamin B group

zolfo: sulphur

 

[Pensaci...]

È meglio prevenire che curare!


Copyright © 1998-99 CHASS (Computing in the Humanities and Social Sciences), University of Toronto