[grafico data] 31 maggio 1999
  Cultura e storia
[autoparlante] Ascolta brano in formato mp3 (5,5 kb)
[icona zip]
scarica versione zippata (5,0 kb)


Le strade di Roma

Sfogliando un libro di storia, spesso ci si meraviglia di come gli antichi romani fossero all’avanguardia. Molte comodità di cui godiamo noi oggi, c'erano già nella* Roma antica. Prendiamo, per esempio, le famose strade di Roma che sopravvivono ancora oggi (e forse ci saranno ancora quando non esisterà neppure il segno delle nostre strade moderne!). Non per niente si dice che tutte le strade portano a Roma!

Chiaramente il significato della frase va oltre il senso letterale e si sa che socialmente, politicamente e culturalmente nel momento più stabile e glorioso dell’impero romano, il punto di riferimento era sempre Roma. Ma restando al senso letterale del proverbio, è ben noto che le strade dell’antica Roma furono costruite allo scopo di realizzare una rete di collegamento che si espandesse per tutto l’impero. Le prime strade furono costruite per ragioni militari: ogni volta che Roma conquistava una nuova terra, la collegava al suo impero con una strada; e il motivo per cui quelle vie venivano costruite per quanto possibile dritte consisteva proprio nel permettere la massima velocità di spostamento all’esercito romano.

È interessante capire come si costruivano le strade della* Roma antica per rendersi conto del motivo per cui continuano a durare. Il lavoro di costruzione avveniva così: prima si scavava una specie di trincea profonda e larga quanto necessario e ai bordi si ponevano in fila dei paracarri di pietra tagliata; poi si incominciava a riempire la trincea scavata con uno strato di sassi, un altro di ghiaia e ancora un altro di sabbia prima di deporre lastroni di pietra. Gli strati del materiale deposto prima dei lastroni venivano compressi e al momento in cui erano deposte le lastre c’era un ispettore ad assicurare che fossero perfettamente livellate adoperando uno strumento speciale chiamato groma. I romani avevano pensato anche alle pietre di guado e alle reti di scarico per le strade cittadine. Infatti, grazie alle pietre di guado (che erano più alte della pavimentazione regolare ed erano deposte in maniera da lasciar passare carri e carrozze) era certamente possibile, in eventuale caso di pioggia o di allagamento, attraversare senza bagnarsi troppo.

La strada romana più famosa è e rimane la Via Appia, iniziata da Appius Claudius (Appio Claudio) nel 312 a.C. Fu effettivamente il primo collegamento stradale di una rete che finì col coprire circa 96 500 km di territorio imperiale. Meta obbligatoria per chi visita Roma, può essere (almeno in parte) ammirata ancor'oggi.


[vocabolarietto]

* Notare che in genere l’articolo prima di una città non è necessario in italiano, ad es., vado a Roma, a Parigi, a Londra, a Toronto, ecc.
L’articolo, comunque, si usa solo nei seguenti casi:
i. con città eccezioni già articolate: la Spezia, l’Aquila, l’Aia, l’Avana, il Cairo, la Mecca;
ii. se la città è modificata: l’antica Roma, la bella Napoli, l’Egitto dei Faraoni, la Parigi degli anni ’50, ecc.
iii. se il nome della città è l’omonimo di una squadra sportiva: la Roma, il Milan, il Cagliari, il Parma, la Bari, l’Atalanta, ecc.

allagamento: flood

collegamento: connection

deporre: to lay down, to set down

dritto: straight

esercito: army

essere all’avanguardia (idiom. expres.): to be in the avant-garde

ghiaia: gravel

godere: to enjoy

groma: leveller (instrument used by surveyors to check the straightness of the road)

ispettore (n. m. sing.): surveyor; inspector

lastrone/lastra di pietra: paving stone

meta: destination

paracarro: curbstone

pietra di guado: stepping stone

pietra tagliata: cut stone

rete di scarico: drainage system

Roma: Rome
(Roma, una delle maggiori città italiana [con una popolazione di  2 815 000 ab.], è capoluogo del Lazio ed è anche la capitale della repubblica italiana dal 1871. Con il passar degli anni ha subito un notevole sviluppo urbanistico e demografico. Al suo interno, comprende anche lo stato indipendente della Città del Vaticano. Sorge sulle due rive del Tevere, a 28 km dal mar Tirreno ed è su un territorio prevalentemente collinare. Roma, una delle più grandi metropoli italiane, è colma di storia e cultura ed è anche una delle città più vive per la gioventù.
Per una la storia dell’antica Roma, v. http://www.geocities.com/Athens/Agora/9259/
di Mario Ierardi e http://www.globalserve.net/~faggioli/ di Fabio Faggioli.

Il Lazio, con una superficie di 17 203 kmq e una popolazione di 5 080 060 ab., è una regione dell’Italia centrale. Confina a nordovest con la Toscana, a nord con l’Umbria e le Marche, a est con l’Abruzzo e il Molise, a sudest con la Campania ed è bagnata a sudovest dal mar Tirreno [comprese le isole Pontine]. La regione è divisa in 5 province: Frosinone, Latina, Rieti, Roma e Viterbo.  Il territorio è maggiormente collinare, per il 26% montuoso e per il 20% pianura. C'è una buona produzione di latticini [il più conosciuto è il Romano], di vino [i tipici vini romani sono il Frascati e il Verdicchio] e di olive.)

sabbia: sand

scavare: to dig

sfogliando (ger v. sfogliare): leafing through (a book)

sopravvivere: to survive

strato: layer

trincea: trench

tutte le strade portano a Roma (prov.): "All roads lead to Rome"


[Pensaci...]


Perché è caduto l’impero romano? era davvero a causa del piombo?


Copyright © 1998-99 CHASS (Computing in the Humanities and Social Sciences), University of Toronto