[grafico data]29 giugno 1998
 Letteratura e cultura
[autoparlante]Ascolta brano in formato mp3 (7,1 kb)
[icona zip]
scarica versione zippata (5,8)


Giacomo Leopardi:
duecento e più anni dopo la sua nascita


Il bicentenario della nascita di Giacomo Leopardi, a Recanati, nelle Marche, è stato occasione per numerose manifestazioni e per una vasta attività pubblicistica dedicata al poeta.

Una delle figure letterarie più importanti dell'Ottocento, Leopardi è per molti il poeta dell'infinito ed è appunto il suo sonetto "L'Infinito" il più noto fra tutti i suoi componimenti. Chi è stato a Recanati o di passaggio o per un breve soggiorno ha senza dubbio notato le numerose lapidi affisse per tutta la cittadina in più punti. Salendo verso il luogo che è noto come "il colle dell'infinito" (presunto luogo d'ispirazione per il famoso sonetto), quando si arriva in cima, sul muro che racchiude i giardini leopardiani si trova un'enorme lapide che reca inciso il primo verso dell'infinito: "Sempre caro mi fu quest'ermo colle". Considerato il carattere introverso e schivo del poeta, viene per lo meno il dubbio che le varie lapidi piazzate qua e là nel suo paese non sarebbero state proprio di suo gusto.  

Il bicentenario per Recanati è stato importante; va però detto che per questo piccolo centro delle Marche, se la fama del poeta ha attratto visitatori da tutte le parti del mondo esistono anche altre attrazioni. Prendiamo, per esempio, al Palazzo Comunale, dove ha sede la pinacoteca, il Museo dedicato a Beniamino Gigli che nacque appunto a Recanati. Vi sono inoltre da vedere, sempre nella pinacoteca, tre opere del pittore rinascimentale Lorenzo Lotto e, ovviamente, alcuni manoscritti di Leopardi.

Per gli amanti e per gli studiosi della lettura, una visita alla biblioteca di casa Leopardi è poi fondamentale. I ventimila volumi della biblioteca si trovano in quattro saloni e si dice che all'epoca il padre di Leopardi, Monaldo, l'avesse aperta agli abitanti di Recanati, ma che nessuno vi ci si recava e Giacomo adolescente trascorreva invece le sue giornate intere leggendo la Bibbia in greco e in ebraico e autori classici come Omero e Virgilio.

Che cosa ricordare ancora di Giacomo Leopardi duecento anni dopo la sua nascita? Perché non i suoi versi più famosi che lo porteranno verso il terzo millennio:


[autoparlante]Ascolta brano in formato mp3 (7,1 kb)
[icona zip]scarica versione zippata (5,8)


L'Infinito                                    The Infinite
           
Sempre caro mi fu quest'ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.


Ma sedendo e mirando, interminati spazi di là da quella, e sovrumani silenzi, e profondissima quiete io nel pensier mi fingo; ove per poco il cor non si spaura.


E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello infinito silenzio a questa voce vo comparando: e mi sovvien l'eterno, e le morte stagioni, e la presente e viva, e il suon di lei.


Così tra questa immensità s'annega il pensier mio e il naufragar m'è dolce in questo mare.

(Recanati 1819)

This lonely hill has always been so dear to me, and dear the hedge which hides the reaches of the sky.


But sitting here and wondering, I fashion in my mind the endless spaces far beyond, the more the human silences, and deepest peace; so that the heart is on the edge of fear.

And when I hear the wind come blowing through the trees, I pit its voice against the boundless silence and summon up eternity, and the dead seasons, and the present one, alive with all its sound. And thus it is.


In this immensity my thought is drowned; and sweet to me the foundering in this sea.

(Translation by Ottavio M. Casale)



affisso
(past part. v. affliggere): put up, posted up

appunto: exactly, precisely (used emphatically)  

biblioteca: library
(N.B.
Do not confuse "library" with "libreria",  since these words are false cognates. Libreria = bookstore; biblioteca = library.)

bicentenario: bicentenary

breve (adj. m./f. sing.): short (in temporal relevance only)

carattere (n. m. sing.): character, personality, nature, disposition

cima: peak, top, summit

cittadina:  little city, citadel  
[città + suffix "ino" = "little" town]

di passaggio:  just passing through
(E.g. "Sono a Roma di passaggio" = "I am just passing through Rome".)

epoca: epoch, age, era, time
("All'epoca" means "at the time".)

inciso: etched, inscribed  

lapide (n. f. sing.): tombstone, headstone, gravestone; memorial stone, tablet (meaning in text)

Leopardi, Giacomo: Italian Romantic poet of the Nineteenth Century
(June 29, 1798 Recanati - June 14, 1837 Naples)

luogo: place, spot, locality

"il colle dell'infinito": (literally) "the hill of the infinite"
(It is located at the extremities of the Leopardi property, which still belongs the descendants of the Leopardi family.)

Marche: region in North-Eastern Italy
(Le Marche is a region of Italy located northeast of Rome and faces the Adriatic Sea. It borders with the following regions from south to north: Abruzzo, Lazio, Umbria, Tuscany, San Marino and Emilia-Romagna.

In Italy there are 20 regions [in order from North West to South East]: Val d'Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Trentino Alto-Adige, Veneto, Friuli, Emilia-Romagna, Umbria, Marche, Toscana, Lazio, Abruzzo, Molise, Campobasso, Puglia, Calabria, Sicilia, and Sardegna. Italy also has 2 independant states: la città del Vaticano and la città di San Marino. )

nacque (3 p. sing. past abs. v. nascere): was born
(The passato remoto [past absolute], one of the eight tenses of the Indicative Mood in Italian is commonly used for indicating occurrences of the distant past, and is the preferred tense in elegant narrative styles.)

nascita: birth    

pinacoteca: art gallery
(Also, and more commonly, galleria d'arte.)  

racchiudere: to enclose, to hold, to contain

Recanati: small, capital city of the Marche Region
(v. Marche)

recandosi (ger., intr. pro. v. recarsi): to go

salone (n. m. sing): parlour

schivo: reserved

sede (n. f. sing.): head office

soggiorno: stay, sojourn  

tramite (adv.): by means of, through


[Pensaci...]

A proposito della letteratura: " Letteratura: il potere pericoloso di andare, attraverso l'infinita molteplicità dell'immaginario verso ciò che è". -Maurice Blanchot, scrittore francese
Copyright © 1998 CHASS (Computing in the Humanities and Social Sciences), University of Toronto