[grafico data] 25 gennaio 1999
  Società e cultura
[autoparlante] Ascolta brano in formato mp3 (5,5 kb)
[icona zip]
scarica versione zippata (5,0 kb)


Il malocchio: parte prima

In questo numero Il Gazzettino offre ai suoi lettori la prima di due parti su strane credenze popolari che purtroppo sussistono ancora oggi! Nonostante ci si trovi in un'epoca di grande progresso tecnologico e intellettuale, esistono ancora casi in cui si cerca di rimediare ai mali del mondo, ai malanni propri e alle varie disgrazie personali con pratiche assurde e incredibili. Il seguente aneddoto descrive una pratica ancora oggi diffusa in alcuni paesini.

Tornando a casa da una partita di calcio, Piero aveva un tremendo mal di testa. Il suo amico Lucio pensò subito a quella testata che un avversario gli aveva dato durante la partita. Ma due giorni dopo, Piero soffriva ancora di mal di testa e ne parlò con sua madre. La mamma non ebbe esitazioni e si armò di un bicchiere con dentro dell'olio e un piatto nel quale versò un po' d'acqua. Piero si sedette a tavola e sua madre gli disse di tenere il piatto con le mani al di sopra della testa. Quindi, cominciò a mormorare sottovoce strane formulette. Poi, facendosi il segno della croce un paio di volte, immerse il dito nell'olio e lo fece sgocciolare nel piatto. Le gocce dell'olio che vennero a contatto con l'acqua si estesero fino al punto di sparire quasi completamente. Confusa dal risultato, la mamma ripeté lo strano rito. Questa volta si potevano invece vedere le gocce perfette, rotonde che non si allargavano affatto. A questo punto la madre prese il piatto, lo passò con un movimento circolare sulla testa di Piero, gli disse di farsi tre volte il segno della croce e andò a gettare il contenuto del piatto nel giardino dietro casa.

ll rito doveva servire, nelle intenzioni della donna, a scacciare il malocchio che aveva di certo provocato il mal di testa. Per ulteriore scaramanzìa, la mamma regalò a Piero un ciondolo a forma di corno da mettere poi sul mazzo di chiavi contro altri malocchi e fatture!


[vocabolarietto]

aneddoto: anecdote

avversario: opponent

ciondolo (n. m. sing.): good luck charm

credenza: belief

estendere: to extend; to spread (meaning in text)

malocchio: "evil eye"
(Nelle credenze popolari, il malocchio è l'influsso malefico, volontario o involontario, che si ritiene derivi dallo sguardo maligno di alcune persone [che per l'appunto causa mal di testa, strani incidenti, disturbi fisici, ecc.]. Si chiama anche la iettatura (si dice di origine napoletana) cioè "gettatura" [iettare è il Napoletano per gettare]. L'espressione è gettare, dare il malocchio a qualcuno = to give someone the evil eye.
Per scaramanzia, ovvero per scongiurare la superstizione popolare si fanno gesti [molto comune è fare le corna], segni [della croce, ad es.], si portano pegni [corni, ciondoli portafortuna, Madonnine e santi sulla catenina] proprio per liberarsi dal malocchio o per difendersi da esso.)

mazzo: bunch

nonostante: in spite of, notwithstanding

partita: (sport) game, match

rito: ritual

scacciare: to chase off, away

scaramanzìa: luck, charm (against evil doings, spells, etc.)
(Per scaramanzia = for luck. Altre espressioni usate sono fare scaramanzia = to touch wood, to cross one's fingers; dire, q.c. per scaramanzia = to say something against bad luck, for luck.)

segno della croce: sign of the Cross

sgocciolare: to drip drop

sottovoce: in a low voice, speaking softly

sparire: to disappear

sussistere: to exist
(Sussistere è un sinonimo di esistere.)

testata: blow with/on the head

tremendo (adj. m. sing.): tremendous, awful, terrible, severe

versare: to pour


[Pensaci...]

Quanto sei superstizioso/a?


Copyright © 1998-99 CHASS (Computing in the Humanities and Social Sciences), University of Toronto