[grafico data]21 settembre 1998
 Edilizia, cultura e attualità
[autoparlante]Ascolta brano in formato mp3 (7,1 kb)
[icona zip]
scarica versione zippata (5,8)


Il ponte sullo stretto di Messina

Per la realizzazione del ponte sullo stretto di Messina si prevede che ci vorranno 8600 miliardi di lire di finanziamenti. I pronostici finanziari ci informano che circa 6000 miliardi proverranno dal settore privato e il resto dallo Stato, dalle regioni e dall'Unione europea. I lavori durerebbero per circa un decennio e il ponte raggiungerebbe la lunghezza di circa 4 chilometri.

Sono ormai quasi 30 anni che in Italia si parla del grande progetto ponte che unirebbe la Sicilia alla Calabria e viceversa. Ma è possibile andare ancora più a ritroso nel tempo e dire che ci pensarono già i Romani, i Borboni, Napoleone e anche Garibaldi. Ad esempio, in seguito all'unità d'Italia (1861), nel 1883 ci fu un tentativo da parte del sindaco Cordaro di Catania di sollecitare Re, Governo e Parlamento a unire la Sicilia al continente realizzando un tunnel che all'epoca si considerava un'opera utilissima dal punto di vista economico e commerciale.

Attualmente, la situazione in Parlamento del famigerato ponte —che molti dicono sarà uno dei più lunghi in esistenza e addirittura l'ottava meraviglia del mondo— non è allegra. Fra le diverse polemiche contro la fattibilità del ponte c'è la comune credenza che il Meridione non ha bisogno di un ponte sullo stretto, ma di ben altro. Con tutti i problemi nelle altre infrastrutture esistenti, alcuni politici sono convinti che bisogna mettere in ordine le priorità del Sud e capire che il ponte non è di primaria importanza. Si sostiene che bisogna pensare ai lavori piccoli e pratici perché di opere grandi —grazie agli arabi e ai baroni della grande storia siciliana— ce ne sono a bizzeffe.

Ovviamente, c'è chi la pensa in modo diverso: il sindaco di Reggio Calabria, per esempio, crede fermamente nel megaponte e lo ritiene una necessità per portare la sua provincia e il Mezzogiorno verso la modernità. Inoltre, afferma che potrebbe essere un'occasione di crescita per la città di Reggio Calabria in quasi tutti i settori privati e statali. Gli effetti collaterali, secondo lui, possono essere solo positivi se il ponte viene concretato con la dovuta professionalità richiesta per un progetto di tale portata.

Certo le difficoltà sono numerose, ma se il Parlamento e il Governo si mettessero d'accordo e dessero il via al "progetto megaponte" entro il 2000, forse per l'anno 2009 vi sarà il tanto sognato ponte sullo stretto di Messina.


[vocabolarietto]
a bizzeffe (adv. expres.): galore, in great abundance

allegro: happy, positive

andare a ritroso (idiom. expres.): to go backwards

Borboni: Spanish dynasty which occupied the Kingdom of Naples and Sicily before the unification of Italy

concretato (past part. v. concretare): made something concrete; realized, carried out
(e.g. concretare un sogno = to make a dream come true)

continente (n. m. sing.): mainland; continent

credenza: belief, credence

decennio: decade

dessero (3 p.pl. imp. subj. reflex. v. dare): gave way

dare il via a (idiom. express.): to give the starting-signal; (fig.) to give the green light
(Related expressions: "essere pronti al via" = to be ready to go.)

dovuto (adj. m. sing.): due, right(ful), proper
(e.g. "Trattare qualcuno con il dovuto rispetto" = to treat someone with the proper respect.)

effetto collaterale: side effect
(In a medical-pharmaceutical context, the expression is usually in the plural, i.e., "effetti collaterali" = side effects.)

essere di primaria importanza: to be of utmost importance

famigerato: infamous

fattibilità: practicability, feasibility

Garibaldi: Giuseppe Garibaldi (1807-82)
(A popular, charismatic and well-liked figure by the masses, Garibaldi was a leading general in the Unification of Italy in the 19th century. [For further reading, v. William Thomas, The History of Italy (Ithaca, N.Y.: Folger Shakespeare Library, Cornell University Press. 1963); Federico Chabod, L'Italia contemporanea: 1918-1948 (Torino: Einaudi [PBE 11]), 1961.)

Mezzogiorno (also, il Meridione, il Sud): literally meaning "noon", referring to the "halfway or midway" portion (as does noon in the temporal division of the day) of Italy
(Northern Italy is commonly referred to as il Settentrione, il Nord. There has always been an inherent antagonistic-like attitude between Northerners and Southerners; the Northerners tend to define the Southerners as "terroni" [peasant dirt-diggers] while the Southerners see them as "polentoni" [polenta eaters; polenta is a cornmeal dish quite common in Northern (Eastern) Italy]. Generally, they tend to view each other through a particular lens: the Southerners no doubt see the Northerners as a more "emancipated" people [also for socio-historical factors], but cold and austere; the Northerners view the Southerners as cafoni [or uncouth, narrow-minded peasants] but do recognize that they are "warmer" and friendlier in disposition [presumably the "heat" in Southern Italy has also had an effect on the soul of the people].)
(Linguistically-speaking, the Northern and Southern Italian boundary lies in an isogloss that runs from La Spezia to Rimini. Geographically-speaking, though, Northern Italy is generally considered the to be the regions of Val d'Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli [Venezia Giulia], Emilia-Romagna. Central Italy is comprised of Toscana, Umbria, Marche, Lazio, and Abruzzo. Campobasso, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia make up il Mezzogiorno.  Sardegna and Sicilia are also defined as l'Italia insulare.)

Napoleone: Napoleon I (1769-1821)
(Napoleone Bonaparte, of Corsican origin, was undoubtedly one of the most brilliant military figures in history. Through ingenious strategizing, he was victorious in rising to the command of the French Revolutionary Armies, seized power and subsequently became emperor Napoleon I of France [1804], and extended France's rule over much of Europe.)

si mettessero (3 p. pl. imp. subj. reflex. v. mettersi): began, started, set out

portata (n. f. sing.): importance, significance

pronostico: prognostic; prediction

provenire: to come from, to originate

realizzazione: realization, accomplishment, bringing about, carrying out, execution

 

[Pensaci...]

Una soluzione ponte? "Angesichts von Hindernissen mag die kürzeste Linie zwischen zwei Punkten die krumme sein." (Quando ci si trova davanti un ostacolo, la linea più breve tra due punti può essere una linea curva)... -B. Brecht, scrittore tedesco (1898-1956), Vita di Galileo, XIV


Copyright © 1998 CHASS (Computing in the Humanities and Social Sciences), University of Toronto