[grafico data] 1 febbraio 1999
  Società e cultura
[autoparlante] Ascolta brano in formato mp3 (5,5 kb)
[icona zip]
scarica versione zippata (5,0 kb)


Malocchio e fatture: parte seconda

Nella prima parte dedicata al malocchio, avevamo parlato appunto di malocchi, fatture, corni e ciondoli.

Il corno-ciondolo, il cui scopo consisterebbe nell'impedire che una fattura vada a segno, è spesso minuscolo, d'oro e viene portato appeso a una catenina o a un bracciale. Ce ne sono anche di dimensioni più grandi, fatti di plastica e di colore rosso da appendere al portachiavi o allo specchietto retrovisore dell'auto, o in bella vista in casa. Oltre al corno-ciondolo, c'è anche la "mano cornuta" usata con questo stesso scopo: ha la forma di una mano chiusa con l'indice e il mignolo protesi e rivolti sempre all'ingiù.

Curioso è, parlando sempre di pratiche al limite del ragionevole, il ruolo della preghiera. Ricordate la madre di Piero che mormorava sottovoce strane cose? Secondo le pratiche della cosiddetta fattucchieria, le parole segrete delle preghiere di questo genere possono essere rivelate solo in due momenti speciali dell'anno: il giorno di Natale e quello di Pasqua, e soltanto a mezzanotte. Il motivo è semplice: si dice che durante i giorni che ricordano la nascita e la resurrezione di Cristo, gli spiriti sono buoni e quindi non si corre il rischio di compromettere il potere della formula "guaritrice". Infatti, condividere la preghiera in altri giorni diminuirebbe la capacità di "guarire" del cosiddetto mago.

Tutte le fattucchiere e i maghi seguono poi le loro speciali procedure, come quella del piatto, dell'acqua e dell'olio. Ma c'è anche chi fa bruciare una buccia d'arancia sulla brace e poi fa inalare il fumo (che ne emana) alla persona interessata. E c'è chi non usa né il piatto, né la brace e dice invece la "formula magica" mentre fa il segno della croce ripetutamente sulla fronte della persona da curare. C'è chi poi, alla fin fine per ottenere il miglior risultato, le combina proprio tutte.

Ricca di credenze popolari che sussistono ancora oggi, l'Italia conosce molte di queste cose e le custodisce, ma le tratta per lo più con molta ironia se si escludono alcuni ambienti specialmente retrogradi. C'è da dire, a onor del vero, che non pochi però confessano di avere una certa curiosità per questo genere di pratiche pseudomagiche e paranormali e oltre a ricorrere al medico, qualche volta vanno a farsi curare da un moderno stregone.


[vocabolarietto]

appeso (adj., pass. part. appendere):  hanging, on

appunto: just for
(Sin.: proprio)

bracciale (n. m. sing.): bracelet

brace (n. f. sing.): embers, lit charcoals, cinders
(Cadere dalla padella nella brace = to fall or jump out of the frying pan into the fire.)

buccia: peel (usually of fruits)

ciondolo: charm, pendant

compromettere: to compromise

corno (~ le corna [considered pair, lit. and fig.] , i corni [pl. of  "single" horn]): horn
(Il corno è un simbolo quasi universale di potenza e forza, di coesistenza lunare/solare, di fecondità, e di virilità [Per una lettura completa, v. Jean Chevalier e Alain Gheerbrant Dizionario dei simboli: miti, costumi, gesti, forme, figure, colori, numeri (Milano: Rizzoli [BUR], 1986, vol.) I. Nella lingua italiana, tale simbolo è sempre esistito. In effetti, si registrano usi sin dal Medioevo, con un'evoluzione continua fino ad oggi.

espressioni comuni contenente "corno"
alzare le corna (fig.):   to get on one's high horse
avere qc./q.c. sulle corna (pop.):   to dislike somebody
non capire un corno! (pop.):   to not understand a blasted word/thing!
un corno! (vulg.):   rubbish!
dire corna, dire peste e corna di qc./q.c. (fig.):   to give a bad account of something/someone
fare le corna:   to touch wood, to cross one's fingers (equiv.)
fare (avere, portare) le corna al marito: to make a cuckold [of one's husband]
fare le corna alla moglie : to be unfaithful [to one's wife]
importare un corno (pop.):   to not give a damn
prendere il toro per le corna (fig.):   to bite the bullet, to take the bull by it's horns
ritirare o abbassare le corna (fig.):   to draw in one's horn 
rompere, spezzare le corna a qc. (fig.):   to give somebody a good thrashing, to tan somebody's hide
rompersi le corna (fig.):    to get the worst of it

correre il rischio (idiom. expres.): to run the risk

cosiddetto (adj. m. sing.): so-called

emanare: to give off, to emanate

far(si) il segno della croce: to make the sign of the cross

fattucchieria: witchcraft, sorcery

fattura (pop.): witchcraft, spell (meaning in text); invoice, bill of sale; manufacturing; making-up; workmanship
(Sinonimo di fattura [contesto nel brano] = stregoneria, incantesimo. Uso comune: fare la fattura a qc. = to bewitch somebody; credere alle fatture = to believe in witchcraft.)

guaritrice (adj. f. sing.): (lit.) capable of healing

guarire: to heal, to save, to free from

inalare: to inhale

indice: index finger
(Le altre dita: pollice = thumb; medio = middle finger; anulare = ring finger; mignolo = pinky.)

ingiù: downwards
(Usi comuni: all'ingiù, per ingiù, dall'ingiù)
(contrario: insù)

mago or fattucchiere or stregone (n. m. sing.): magician, sorcerer, wizard; healer (meaning here)

"mano cornuta": lucky charm in the shape of a fist, with only index and pinky fingers outstretched

mignolo: pinky
(Le altre dita: pollice = thumb; medio = middle finger; anulare = ring finger; mignolo = pinky.)

minuscolo: minuscule, very small
(sinonimo: piccolo, piccino)

paranormale (adj. m./f. sing.): paranormal

portachiavi (n. m. sing.): key chain

proteso (past part. v. protendere): outstretched, extended forth

retrogrado: backward, old-fashioned

scongiuro: charm, spell
(Fare gli scongiuri [contro la iettatura] =: to touch wood, to cross one's fingers.)

scopo: objective, reason
(N.B. Scopa = broom.)

sottovoce: in a low voice

specchietto retrovisore: rearview mirror

sussistere: to continue to exist, to subsist


[Pensaci...]

"L'antichità classica conosce[va] varie forme di magia e di fenomeni occulti: tuttavia è solo con la rivoluzione cristiana che essi acquista[ro]no l'aspetto sotterraneo e conflittuale che siamo abituati ad attribuire tradizionalmente alla stregoneria occidentale". -F. Troncarelli


Copyright © 1998-99 CHASS (Computing in the Humanities and Social Sciences), University of Toronto