[grafico data]14 dicembre 1998
 Medicina e attualità
[autoparlante]Ascolta brano in formato mp3 (7,1 kb)
[icona zip]
scarica versione zippata (5,8)


Il pericolo della libertà di cura: il caso del vaccino

Negli ultimi tempi, il mondo della medicina ha rivolto molta attenzione alla libertà di cura per via del caso Di Bella e della sua cura anticancro. Molti italiani, oggi, rifiutano di far vaccinare i propri figli e naturalmente è un loro diritto, come sono diritti a tutti gli effetti la salute e l'istruzione. Bisogna domandarsi però, se ci sono limiti alla cosiddetta "libertà di cura" e verificare se prima o poi non si è quasi costretti a piegarsi a certe norme sanitarie per il bene della collettività?

Gli esperti in epidemiologia affermano che finché i non vaccinati saranno una minoranza, non c'è da preoccuparsi perché la vaccinazione della maggioranza offre la protezione immunitaria anche a loro. Tuttavia, questa scelta della "libertà di cura" decisamente comporta dei rischi e, infatti, in passato si sono verificati casi di effetti collaterali piuttosto gravi.

Nella storia della vaccinazione, ci sono stati dei casi in cui la Sanità ha abbassato la guardia e di conseguenza si sono diffuse malattie come la pertosse e la difterite. È stato il caso degli Stati Uniti quando, negli anni Settanta, la Sanità implementò degli standard sanitari meno rigidi e il risultato fu un notevole aggravamento della pertosse con due decessi per centomila abitanti. Poi c'è stato il caso dell'ex Unione Sovietica dove la crisi economica fu un fattore contribuente alla mancata priorità della sanità causando, così, la ricomparsa della difterite.

È evidente che non è facile decidere se alcune pratiche e tecniche profilattiche dovrebbero essere imposte. Ma quanto "libera" dovrebbe essere la "libertà di cura"?


[vocabolarietto]
a tutti gli effetti (idiom. expres.): to all intents and purposes

abbassare la guardia (also fig.): to drop, lower one's guard

aggravamento: worsening

comportare: to involve

difterite
(n. f. sing., med.): Diphtheria

effetti collaterali (usally n. m. pl., med.): side effects

epidemiologia (med.): epidemiology (branch of medicine that investigates the causes and control of epidemics)

libero arbitrio: free will

negli ultimi tempi (idiom. expres.): in the past while, in recent years

pertosse (n. f. sing., med.): Pertussis (whooping cough)

piegarsi a... (also fig.): to fold, to give in to . . .

profilattico (adj. m. sing., med.): prophylactic, preventative
(N.B. "Profilattico" [n. m. sing., pharm.] also "preservativo", "condom" [mod. more commonly used by Italian youth] = condom.)

Sanità: Health, Sanitation

sistema immunitario
(med.): Immune System

vaccinare (med.): to vaccinate (against)

vaccinazione  (n. f. sing., med.): vaccination

vaccino (med.): vaccine

 

[Pensaci...]

Il libero arbitrio, esiste davvero?


Copyright © 1998 CHASS (Computing in the Humanities and Social Sciences), University of Toronto